Quanti siamo

Visite Oggi35
Visite questo mese:985
Visite totali77190
Le meraviglie di Termini....

Cammara Picta...

La decorazione della “Cammara Picta” di V.La Barbera al Comune che costituisce l’unico esempio in Sicilia di ciclo pittorico unitario a tema non religioso a committenza laica;

L'acquedotto...

L’acquedotto Cornelio di età augustea, la più importante e meglio conservata opera idraulica di epoca romana di Sicilia

Il presepe...

Il presepe in marmo più antico di Sicilia

La phiale auerea

La phiale auerea, piatto votivo d’oro, dal diam. di cm 22,75 e dal peso di gr. 982,40, interamente decorata a sbalzo, con la tecnica della punzonatura e della cesellatura (IV-III sec.a.C.), unico in Italia

Le didascalie...

Le didascalie in volgare della Chiesa di S.Caterina che rappresentano il testo letterario non cartaceo più esteso di tutto il patrimonio linguistico italiano

Il Carnevale...

Il Carnevale di Termini Imerese è il più antico di Sicilia

Il presepe vivente...

Il presepe vivente di Termini Imerese un viaggio rievocativo da Nazareth a Betlemme...

Tisia D'Himera....

Il poeta Tisia d’Himera detto Stesicoro, inventore di una struttura letteraria (la lirica corale)

Visita Virtuala "Camera Picta"

Amuri è...Cucina

cucina

In questa categoria è possibile visualizzare alcune delle tipiche ricette termitane e siciliane...

Attuppateddi cu Broccoli incaciati

Scritto da Termini D'amuri di Termini Imerese

350 G Pasta Tipo Ditali  •

1 Broccolo • 20 G Uvetta Sultanina

20 G Pinoli

1 Cipolla •

1 Spicchio Aglio

20 G Basilico

5 G Acciughe

20 G Pangrattato

30 G Formaggio Caciocavallo

Olio D'oliva

Sale

Lessare il broccolo; nella stessa acqua di cottura cucinare i ditali; in una padella soffriggere l'uvetta, i pinoli, la cipolla e lo spicchio d'aglio; aggiungere il broccolo già lesso, le acciughe e il liquido di cottura. Cuocere il pangrattato con del sale. Dorarlo. Maneggiare la pasta in padella versare nel piatto, aggiungere il pangrattato e finire con olio al basilico. Cospargere di formaggio caciocavallo a pezzetti.

Maccarruna ‘ntà maidda

Scritto da Administrator Ultimo aggiornamento (29 Aprile 2011)

IL CARNEVALE A TAVOLA
Il periodo che precede il carnevale si faceva gran baldoria, per lo più a suon di musica e balli; si festeggiava il giovedì ed anche la domenica. oltre che nei cosiddetti "sabatini". Erano però proprio i giovedi ad essere contraddistinti da precisi nomi di riferimento:


“u ioviri ddi li cummuri” (il giovedì delle commari),
“u ioviri ddi li parenti” (il giovedì dei parenti),
“u ioviri ddi lu zuppiddu”(il diavolo),

" u ioviri rassa" (il giovedì grasso),

 

che in ordine di tempo era I'ultimo, e precedeva, come da calendario, l’ultima domenica ed il martedì grasso.


Il piatto tipico del carnevale ,era "i  maccarruna cu sucu 'nta maidda" .
con i maccheroni fatti in casa con " i busi" , e lasciati “sciariari “(asciugare lentamente) appesi alle canne.
Era una pasta veramente eccellente, che una volta cotta e condita con ragù) di salsiccia, veniva depositata in una specie di vasca di legno,l a" maidda" appunto, la stessa cioè dove era stato preparato I'impasto, e attorno alla quale per tradizione (in uso sopratutto tra i
contadini e le famiglie più povere) tutti si sedevano per mangiare.

Ultime firme...
giusy spallino
;) complimenti a tutti!!!!!
Mercoledì 14 Agosto 2013
Francesco
TI lu cuntu è una bellissima iniziativa che sono s...
Martedì 27 Dicembre 2011
Mauro
Grazie Mario Incudine per il concerto Natali ri Pa...
Giovedì 22 Dicembre 2011
Presepe Vivente